giovedì 15 novembre 2012

Pareri a favore: Gli scienziati sostengono i vantaggi dell'epidurale


Nel nostro paese, partorire limitando i dolori è molto difficile. L'analgesia epidurale, infatti, che consente alla donna di vivere in piena normalità il travaglio, ma cancella i dolori del parto è garantita soltanto dal 16 per cento delle strutture ospedaliere pubbliche e convenzionate, a fronte del 90 per cento di richieste fra le partorienti.
A dispetto del ritardo nella sua applicazione, l'Italia si trova in realtà all'avanguardia dal punto di vista tecnologico, come ricorda il prof. Giorgio Capogna, : “in Europa il nostro è il primo paese a introdurre la nuova tecnica PIEB associata alla PCEA. Le nuove tecniche permettono alla donna di ottenere un effetto di analgesia costante e di personalizzare la somministrazione dell'analgesico a seconda delle proprie esigenze. Vengono così evitati anche i brevi momenti di dolore che potevano insorgere con la tecnica epidurale tradizionale, quando la partoriente doveva attendere l'intervento del medico per ricalibrare la dose di analgesico”.
In realtà, l'anestesia epidurale non si limiterebbe ad alleviare il dolore durante il parto. Stando ai risultati di uno studio australiano, l'epidurale aiuterebbe a preservare i muscoli pelvici da eventuali sofferenze a carico dell'apparato genitale che successivamente potrebbero provocare problemi di incontinenza nella donna. La ricerca, condotta dalla Nepean Clinical School of Medicine di Sidney, in Australia, ha seguito 367 donne che hanno partorito fra il 2005 e il 2008.
Circa un terzo di esse erano ricorse al parto cesareo e non avevano avuto problemi di rilassamento muscolare. Fra quelle che avevano optato per il parto naturale senza anestesia, oltre il 30 per cento ha poi sofferto di problemi muscolari e di incontinenza, soprattutto nel caso in cui il parto si fosse protratto a lungo richiedendo uno sforzo fisico notevole alla donna.
Gli scienziati australiani hanno verificato il beneficio dato dall'anestesia epidurale, che rilassa il corpo della donna dalla vita in giù, consentendo di partorire senza provare quel forte dolore fisico  tipico del parto naturale. Secondo Clara Shek, la ragione del beneficio starebbe nella riduzione degli sforzi non necessari, in quanto le donne, non avvertendo le contrazioni, spingono soltanto dietro richiesta del medico. Inoltre, l'anestesia produrrebbe un cambiamento nei muscoli che condurrebbe a un rafforzamento degli stessi, anche se non se ne conoscono ancora i meccanismi.
L'Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna
(O.N.Da) sta lavorando affinché la parto analgesia diventi un effettivo diritto, inoltre
l'Associazione Italiana Parto in Analgesia (Aipa) sostiene una petizione per la raccolta
di firma “per far sì che tutti gli enti ospedalieri siano indotti dal ministero della Salute
ad accogliere la richiesta delle donne partorienti alla scelta della parto analgesia”. L’obiettivo non e' quello di imporre tale modalità di parto, ma di fornire maggiori informazioni e permettere alla donna di scegliere come partorire.


3 commenti:

  1. Siamo strafelici che giorno d'oggi esiste la maternità surrogata. Vorrei descrivere la nostra felicità, non so se riuscirò. All'inizio non volevamo una madre surrogata, abbiamo sperato fino all'ultimo di poter concepire e portare avanti la gravidanza. Ma, ahimè, tutto era senza alcun risultato positivo 😟. Non avevamo moltissimi criteri per una madre surrogata, quindi l'abbiamo trovata in poco tempo grazie alla clinica del professor Feskov e il Human Reproduction Group "Feskov". E alla fine è accaduto il tanto atteso miracolo. Alla prima ecografia eravamo così emozionati! Abbiamo scoperto che avremo il nostro bebè. E non vedevamo l'ora di assistere alla seconda ecografia, dove abbiamo scoperto il sesso - femminuccia ♥️. Dopo tutto è arrivato il momento dei preparativi e lo shopping per la piccola. La donna che portava la nostra bambina nel grembo stava in ottima salute, era amichevole e abbiamo avuto la nostra figlia tanto attesa a termine. Scrivo per dire che se non avete la possibilità di partorire e/o concepire da soli, non rinunciate alle madri surrogate. È una soluzione al problema e tante soddisfazioni dal risultato. Auguro a tutti di essere felici e in ottima salute!

    RispondiElimina
  2. Inizia la tua avventura di genitorialità! Consiglio di visionare il canale canale YouTube . Buona visione

    RispondiElimina
  3. Pochi conoscono la Clinica d'eccellenza di maternità Feskov Human Reproduction Group. Questa clinica di maternità, donazione e FIVET svolge l'attività nel ambito dal 1995.Struttura professionale e completa oltre che moderna. Lo staff è molto cortese, sembra un'isola felice dove lavorano con amore.

    RispondiElimina